Goditi un caffè e racconta la tua storia!

Clicca qui e scopri come entrare a far parte della nostra community, ti stiamo aspettando.

Cosa c’è di nuovo

Un mono occhio con la foglia di acanto. Il suo nome è Stammi Acanto

Lo trovo un oggetto-sintesi di un punto di una storia a cui si giunge e da cui si riparte. Una dichiarazione di direzione più definita da intraprendere, e intrapresa. L’acanto è diventato il simbolo di questa nuova direzione

Un gioiello da viso: alzi la mano chi è felicemente avvezzo a questo accessorio! Et voilà, ecco subito dimostrata la rarità: del talento nelle mani e nelle intenzioni di creatività che Sara Capoferri condensa nel suo mondo -che a definirlo “brand” lo si assottiglierebbe troppo-.

Come attori sulla scena, come commedianti su un palcoscenico. Il teatro è la tavola imbandita, il tema della pièce è la convivialità e loro – i calici “caratteriali” disegnati da GumDesign e realizzati da Collevilca Cristalleria – portano nella pièce del pranzo o della cena i loro caratteri ben definiti. Silvana Annicchiarico, Minimi. Dialoghi Immobili

Atto primo: /e·stro·vèr·so/

A presentarsi subito al distratto pubblico, comodamente seduto in sala, in questo teatro di Bacco è l’Estroverso, d’altronde già il suo nome lascia intendere il suo modo d’essere così cristallino.

Il Made in Molise e la secolare tradizione del tombolo rinascono in una borsa

Le mie sono borse dallo spirito antico che vogliono vivere in un mondo moderno.

Si chiama “Tombolo Bag”, un nome composto di due sole parole, ma che è una potente combinazione di due mondi profondamente diversi, un ponte che allaccia epoche assai distanti: l’arte antichissima del ricamo a tombolo, ancora protetta e protratta dalle mani delle donne molisane, applicata ad una borsa pensata per essere intrisa del fascino stiloso contemporaneo.